Contenuto principale

Messaggio di avviso

In occasione del nuovo Regolamento per la protezione e sul trattamento dei dati personali dell'Unione Europea 2016/279 GDPR (General Data Protection Regulation), entrata in vigore il 25 maggio 2018, abbiamo aggiornato la Privacy policy del nostro sito. La finalità è di delucidare in maniera ancora più chiara i nostri utenti sul modo con cui raccogliamo e trattiamo i dati personali. Noi OMCeO Taranto ci  impegniamo a proteggere la privacy, a tutelare e a mantenere sicure le informazioni che ci vengono fornite. Per richiedere la cancellazione dei propri dati e per ulteriori informazioni ti invitiamo a cliccare su

› INFORMATIVA ESTESA PER LA PRIVACY POLICY



"La solidarietà espressa dai colleghi è la più sincera che ci possa essere, perché siete consapevoli che tutti sareste potuti essere al mio posto. Nessuno sconto, invece per le istituzioni, alle quali solo una cosa posso dire: io sono stata violentata anche da voi".

Sono parole forti quelle che la dottoressa aggredita a Trecastagni mentre svolgeva il suo turno di guardia medica ha voluto rivolgere questa mattina di fronte ai suoi colleghi: ai 106 presidenti degli Ordini dei Medici, riuniti nel Consiglio della loro Federazione nazionale (Fnomceo) e ai 106 presidenti delle Commissioni Albo Odontoiatri, insieme in assemblea plenaria nella sua Sicilia, a Giardini Naxos (Messina).
"Quella della sicurezza è solo la punta dell'iceberg - ha spiegato - . Noi medici abbiamo perso la dignità. La nostra professione si è snaturata, è diventata una cosa che non è più essere medico, è soffocata dall'affanno di evitare le denunce, di seguire pedissequamente i protocolli. Sfugge un concetto fondamentale: noi dobbiamo curare le persone".
"Ho intrapreso questa strada per passione - ha raccontato -. Anche la scelta di fare la guardia medica non è stata un ripiego, è stata una decisione consapevole proprio perché volevo essere in prima linea, vicina alle persone che soffrono".
"Le istituzioni non hanno semplicemente lasciato sola me, mettendomi in pericolo e poi umiliandomi quando la mia aggressione è stata derubricata a infortunio sul lavoro- ha proseguito -. Il sistema rischia di travolgere la nostra intera professione. Siamo tutti vittime: a questo gli Ordini devono opporsi".
"Gli Ordini devono essere la casa, ma anche la famiglia di noi medici - ha concluso -. E come in una famiglia i genitori non devono essere troppo permissivi con i figli, così è un errore assumere un atteggiamento paternalistico verso quei colleghi che sbagliano".
 
"Va recuperata l'autorevolezza del nostro ruolo - ha confermato il Presidente della Fnomceo Roberta Chersevani-. Grazie per le tue parole, è un onore averti conosciuto".
L'appello della collega non è rimasto inascoltato: molte le proposte emerse dal Consiglio, che verranno raccolte e riassunte in una Mozione.
 

 

Ufficio Stampa Fnomceo: 3371068340- 3472359608

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Comunicato del 29 settembre 2017